lunedì 29 giugno 2009

Berlusconi non ha scheletri nell'armadio. Non c'è abbastanza spazio

"La vignetta che vedete qui sopra ieri è stata oggetto di un «caso». Non del caso del giorno, perché ormai di casi ce ne sono, ogni giorno, in quantità industriale. Ma comunque di un caso: Vauro, l’autore, l’ha mandata al Corriere della Sera, giornale con il quale ha - da sedici anni - un contratto di collaborazione; e il Corriere non l’ha pubblicata. Vauro l’ha presa male. Ha parlato di censura." Continua sul Giornale

giovedì 25 giugno 2009

Adsense revenue sharing su Diggita dal 50% al 100%

OT.
Adsense revenue sharing è un sistema di pagamento degli articoli reso possibile da Adsense, il programma pubblicitario di Google.
Il blogger scrive uno o più articoli in un sito di proprietà di terzi. Il sito permette al blogger di utilizzare il suo account Adsense. In questo modo il blogger riceve un compenso da Google Adsense basato sui clic che i lettori fanno sugli annunci pubblicitari.
Il primo sito italiano ad avere utilizzato questo metodo di pagamento è Diggita, un social network che ha deciso di festeggiare il secondo anno di attività portando il compenso Adsense destinato ai blogger dal 50% al 100%.
Qua trovate informazioni sull'Adsense revenue sharing di Diggita:
http://www.diggita.it/adsense.php

Appello di donne alle first ladies: "Non venite al G8 italiano"

Un gruppo di inutili professoresse universitarie ha lanciato l'ennesimo strale contro Silvio Berlusconi, questa volta sotto forma di appello alle mogli dei capi di stato che parteciperanno al G8.
Direi che il modo in cui Berlusconi tratta le donne è solo affare suo e dei giornali e siti di gossip.
Invece è affare di tutti il modo in cui i baroni hanno ridotto l'università italiana. Come si permettono di fare la predica certe carampane senza meriti che contribuiscono ad affossare un sistema universitario peggiore di quello del Burundi?


Appello di donne alle first ladies: "Non venite al G8 italiano"
Siamo profondamente indignate, come donne impegnate nel mondo dell'università e della cultura, per il modo in cui il presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi, tratta le donne sulla scena pubblica e privata.

Non ci riferiamo solo alle vicende relazionali del premier, che trascendono la sfera personale e assumono un significato pubblico, ma soprattutto alle modalità di reclutamento del personale politico e ai comportamenti e discorsi sessisti che delegittimano con perversa e ilare sistematicità la presenza femminile sulla scena sociale e istituzionale. Questi comportamenti, gravi sul piano morale, civile, culturale, minano la dignità delle donne e incidono negativamente sui percorsi di autonomia e affermazione femminili.

Il controllo che Berlusconi esercita sulla grande maggioranza dei media italiani, in spregio a ogni regola democratica, limita pesantemente le possibilità di esprimere dissenso e critica. Risulta difficile, quindi, far emergere l'insofferenza di tante donne che non si riconoscono nell'immagine
femminile trasmessa dal premier e da chi gli sta intorno.

Come cittadine italiane, europee e del mondo, rivolgiamo un appello alle first ladies dei paesi coinvolti nel prossimo G8 dell'Aquila perché disertino l'appuntamento italiano, per affermare con forza che la delegittimazione della donna in un paese offende e colpisce le donne di
tutti i paesi.

Chiara Volpato (Professore Ordinario - Università di Milano-Bicocca)
Angelica Mucchi Faina (Professore Ordinario - Università di Perugia)
Anne Maass (Professore Ordinario - Università di Padova)
Marcella Ravenna (Professore Ordinario - Università di Ferrara)

mercoledì 24 giugno 2009

Il punto più basso toccato da Repubblica: l'intervista al transessuale Manila Gorio

Inizia col turbo l'intervista di Repubblica al transessuale barese Manila Gorio:
"Prima di rispondere, faccio una premessa. Io non sono una di quelle che la dà in giro. Sono sempre arrivata dove sono con le mie forze".
Purtroppo per il quotidiano il gossip va a monte:
"Sono solo una talent scout. A quanto pare un po' ingenua, visto che sono una delle poche a non essere stata invitata a Villa Certosa".

I giornalisti speravano che la frequentazione di Manila Gorio con Patrizia D'Addario, Barbara Montereale, Angela Sozio e molte ragazze che hanno partecipato a Uomini e Donne, Amici, Grande Fratello e Isola dei Famosi nascondesse chissà quali segreti scabrosi.
E invece Repubblica si è ritrovata con un'intervista inutile e indecente.

martedì 23 giugno 2009

Berlusconi: ho un debole per le teenager



Silvio Berlusconi, a Bruxelles in compagnia del primo ministro bulgaro Stanishev, confessa di avere un debole per le teenager. In particolare dice di essere attratto dalla figlia di Darina Pavlova, misteriosa e ricchissima donna d'affari dell'est europeo.

Berlusconi regala bigiotteria alle scolarette

Il blog Voglio Scendere ha trovato delle citazioni gustosissime di Berlusconi pescato a comperare bigiotteria:
"Il Cavaliere... fa fermare la macchina a Corso Vittorio. All'angolo con Piazza del Gesù e a pochi passi da Palazzo Grazioli. Si infila in un negozietto di bigiotteria. Spille, anelli, ciondoli, collanine. Colori sgargianti, tutto rigorosamente in plastica. 'Sapete - spiega cogliendo i dubbi dell'interlocutore - io ricevo tante scolaresche, tanti bambini e quando li saluto regalo a ciascuno di loro una cosetta. Roba di pochi euro'..."
(La Repubblica, 12 novembre 2008)

Andate su Voglio Scendere e guardate che collegamenti ha fatto con le recenti vicende di Noemi Letizia, Patrizia D'Addario e Barbara Montereale.
C'è da sospettare seriamente che alle ragazze abbia rifilato bigiotteria in cambio delle prestazioni!

Scoop! Berlusconi prende a calci un gatto!

Un lettore del blog di Sandro Bugialli pubblicato dal Sole 24 Ore ha scoperto quale sarà il prossimo scoop antiberlusconiano di Repubblica!

Dal Sole 24 Ore:

egregio dott. Bugialli,

sperando che la cosa sia di Suo gradimento Le comunico che sono venuto a conoscenza del prossimo scoop di Repubblica: ci sono foto, registrazioni e testimoni che riguardano un episodio in cui Berlusconi ha preso a calci un gatto...già ci sono i vescovi che preparano reprimende contro un tale immorale comportamento, due accompagnatrici del gatto che dicono che la cosa è avvenuta a palazzo Grazioli nel giardino durante l'ora di merenda dello staff per la sicurezza del premier e ci sono anche troop del TG1 che, finalmente, potrà dare evidenza ad una simile notizia dai contenuti epocali (non come quelle baggianate che avvengono in Iran, tanto lì si sparazzano sempre..).

cordiali saluti

Paolo S.

lunedì 22 giugno 2009

Silvio nell'harem di Hammamet pensava solo a Veronica

Tarak Ben Ammar racconta al Corriere che nel 1984 aveva incontrato Silvio Berlusconi in un harem di Hammamet (con Bettino Craxi)? Berlusconi, nonostante tutte le ragazze che cercavano di sedurlo, aveva in mente solo Veronica Lario.
"Veronica non ha dovuto sopportare nulla, perché quando stava 'matrimonialmente' con lui, sino a qualche anno fa, era felicissima. Non ho mai visto una coppia così innamorata. Arriva­vo alla Certosa con mia moglie, e ci trovavamo quasi in imbarazzo: si baciavano, si cercavano, si carezzavano ogni momento. Quando ho cono­sciuto Silvio, nell’84...
- Ad Hammamet, a una festa con giovani don­ne, vero?
Lo conobbi sulla spiaggia, con Craxi, e la sera dopo ci fu questa festa. Io stavo girando un film e portai modelle e attrici stupende. Silvio le ammirò, eccome. Ma parlava solo di Veronica. E quando nel '93 scese in campo, lo fece contro l’opinione di tutti noi, tranne due persone: sua madre e sua moglie. Peccato che Veronica non gli sia stata al fianco, eccetto che per la visita di Clinton."

Caro Silvio, ti trovi in un brutto impiccio

Francesco Cossiga scrive una lettera aperta a Silvio Berlusconi. Stranamente non fa troppo la figura del vecchio rimbambito col pannolone, come gli capita spesso.

Caro Silvio, ti scrivo da amico e da politico, non da «amico politico», benché legato a te da un’ami­cizia personale che data dal 1974 e che non è mai venuta meno. Non sono mai entrato nella tua vita privata pur, come tu ben sai, non con­dividendo alcune manifestazioni di essa. Ri­tengo che i giudizi sulla vita privata di una per­sona che non attengano alla funzione pubblica esercitata - e in particolare la vita eufemisti­camente chiamata «sentimentale» ma più esattamente «sessuale» - debbano essere di­stinti dai giudizi politici.

Non mi sembra che il giudizio politico di al­lora e il giudizio storico di oggi abbiano bollato con il marchio dell’infamia John Fitzgerald e Robert Kennedy, le cui attività galanti supera­rono di gran lunga le tue, e ebbero anche aspet­ti inquietanti sui quali la giustizia americana non volle inquisire fino in fondo. E che dire del primo ministro britannico Wilson, che fece no­minare dalla Regina, che non batté un ciglio, alla carica di Pari a vita con il titolo di barones­sa una sua collaboratrice, collaboratrice per così dire, in senso piuttosto lato? E qui mi fer­mo… Ora tu ti trovi, a torto o a ragione, in un brutto impiccio: per motivi «sentimentali» e anche per motivi, diciamo così, mercantili. Vi è chi, movimenti politici e potentati economi­ci, con o senza giornali di loro proprietà, sono terrorizzati che tu possa governare il Paese per altri quattro anni; e sperano che titolari di alte cariche istituzionali, al primo, al secondo o al terzo posto nelle precedenze, riescano a farti uno sgambetto.

Vorrei darti qualche consiglio, anche se so che tu ritieni che pochi consigli possano darti quelli che furono attori o, come me, solo com­parse in quello che tu chiami il «teatrino» del­la politica della Prima Repubblica. È vero che una coincidenza è solo una coin­cidenza, che due coincidenze sono un indizio e che tre coincidenze possono essere una prova. Ma io non credo che tu sia vittima di un com­plotto. E poi, complotto di chi? Dei nostri servi­zi di sicurezza? Ma al loro apice, da Gianni Di Gennaro a Bruno Branciforte e Giorgio Picciril­lo, ci sono dei fedeli e capaci servitori dello Sta­to, sui quali non può gravare alcun sospetto e che sono impegnati, oltre che a svolgere le loro mansioni, ancora a capire, per colpa della leg­ge e del Governo, quali esse siano e quali siano i confini tra le loro competenze e quelle del ser­vizio di informazione e sicurezza militare dello Stato Maggiore della Difesa…

Complotto di un servizio estero? Di Cia o Dia americane? Certo, i mezzi e le competenze li hanno, eccome! E perché mai Barack Obama dovrebbe aver ordinato una tale campagna di «intossicazione»? Perché sei amico di Putin e della Federazione Russa? Ma immaginati. Al­la fine Putin preferirà Obama a te e viceversa. Noi siamo un grande Paese, ma non una gran­de potenza: smettiamolo di crederlo. Io penso che tu sia vittima dell’odio dei tuoi avversari ma anche delle tue imprudenze e ingenuità. L’odio dei tuoi avversari è eviden­te: e non penso al mite e sprovveduto Dario Franceschini, né al freddo, politico e onesto e corretto Massimo D’Alema, anche se si è la­sciato scappare una battuta che più che te e lui sta mettendo nei pasticci il «lotta-» o «lob­by- continuista» magistrato di Bari. Questo odio io l’ho patito sulla mia pelle. Perché a te il noto gruppo editoriale svizzero dà dello sciupa­femmine, ma a me per quasi sette anni ha da­to del golpista e del pazzo, nel senso tecnico del termine…

Lascia stare i complotti, e respingi anche l’odio che è un cattivo consigliere anche per chi ne è oggetto. Vendi Villa La Certosa, o meglio regalala allo Stato o alla Regione Sarda: è indi­fendibile e «penetrabilissima». Lascia anche Palazzo Grazioli, che ha ormai una fama equi­voca e trasferisciti per il lavoro e per abitarvi a Palazzo Chigi. Non chiedere scusa a nessu­no, salvo che ai tuoi figli, quelli almeno che hai in comune con Veronica. Non mi consta che gli altri due grandi sciupafemmine come Kennedy e Clinton abbiano mai chiesto scusa al loro po­polo… Fai la pace con Murdoch: tra ricchi ci si mette sempre d’accordo. Cerca un armistizio con l’Anm: porta alle lunghe la legge sulle inter­cettazioni e quella sulle modifiche del Codice di Procedura Penale e dai ai magistrati un con­sistente aumento di stipendio.

Vuoi, invece, fare la guerra? Allora vai in Parlamento: ma al Senato per carità! E non alla Camera, per non correre il rischio di ve­derti togliere la parola o espulso dall’aula. Tie­ni un duro discorso sfidando l’opposizione, fa presentare una mozione di approvazione delle tue dichiarazioni, poni la fiducia su di essa e, come ai gloriosi tempi della Dc con il Governo Fanfani, fatti votare contro dai tuoi, impeden­do con i voti la formazione di un altro gover­no, porta così il Paese a inevitabili nuove ele­zioni… Perché la guerra è sempre meglio per te, per l'opposizione e per il Paese, di questo rotolarsi nella melma.

Con affetto ed amicizia

Francesco Cossiga

Ragazze slave vestite da Babbo Natale alle feste di Villa Certosa

Barbara Montereale racconta a Repubblica qualche particolare sui festini di Silvio Berlusconi a Villa Certosa:
"a Villa Certosa non legai particolarmente con le altre. (...) La maggior parte di loro erano straniere. (...) Slave, romene, una cosa così. Non so i paesi, ma erano ragazze dell'Est. Lo si capiva dall'accento con cui parlavano l'italiano. Sembravano di casa. Avevano una grande confidenza con il Presidente e infatti lo chiamavano tutte "Papi". Erano una più invidiosa dell'altra, in competizione una con l'altra. Facevano a gara a chi gli stava più vicina. Mi dissero che erano lì da parecchi giorni. Erano le stesse ragazze filmate in un video che io vidi in quell'occasione e girato durante le feste. Lì erano vestite da Babbo Nataline".

mercoledì 17 giugno 2009

Maga Patrizia, la nuova ragazza che sta inguaiando Berlusconi

Repubblica ha trovato una nuova occasione per fare gossip: le visite di Patrizia D'Addario a Villa Grazioli lo scorso autunno. Il quotidiano è risalito fino all'adolescenza dell'ennesima donna attribuita al tombeur de femmes Silvio Berlusconi:
"Raccontano dunque che quando, a 14 anni, Patrizia, nata il 17 febbraio del 1967 a Bari, lascia la casa dei suoi genitori e dei suoi due fratelli (ne perderà uno), in testa ha due passioni. L'uomo che ha deciso di seguire e la magia. Del primo si libera presto. Della seconda, a quanto pare, no. Ai suoi amici, nel tempo, racconta di aver lavorato con David Copperfield (famoso illusionista) e il mago Alexander. I suoi abiti virano regolarmente sul nero. E il suo modo di misurare gli altri e quel che le accade ha sempre un fondo di misterico."

Patrizia D'Addario pagata per intrattenere Berlusconi a Palazzo Grazioli

Patrizia D'Addario ha raccontato di essere stata pagata per trascorrere delle nottate con Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli. Inoltre sarebbe stata messa in lista alle elezioni comunali grazie alla partecipazione alle due feste.
La ragazza ha raccontato la sua esperienza al Corriere.
"Mi hanno messo in lista perché ho partecipato a due feste a palazzo Grazioli. Ho le prove di quello che dico e voglio raccontare che cosa è successo prima che decidessi di tirarmi indietro. Il mio nome è ancora lì, ma io non ci sono più".
"Con (...) altre due ragazze siamo entrati a palazzo Grazioli in una macchina con i vetri oscurati. Mi avevano detto che il mio nome era Alessia. (...) Siamo state portate in un grande salone e lì abbiamo trovato altre ragazze. Saranno state una ventina. Come antipasto c'erano pezzi di pizza e champagne. Dopo poco è arrivato Silvio Berlusconi."

domenica 14 giugno 2009

Vado da Obama bello e abbronzato

Silvio Show: Vado da Obama bello e abbronzato.

Abbronzatura integrale stile Topolanek?

sabato 13 giugno 2009

Le foto di Villa Certosa sono 5.000. Berlusconi finge di sposare una velina

Antonello Zappadu ha rivelato che le foto di Villa Certosa sono ben 5.000, molte più delle 700 sequestrate dalla magistratura e parzialmente pubblicate dal quotidiano El Pais. Le foto non sarebbero particolarmente osé:
"nulla di pruriginoso. Piuttosto, direi immagini politicamente imbarazzanti. Ne posso raccontare una: sarà stata la tarda primavera del 2008 e nei giardini della villa, c'è un finto matrimonio tra Berlusconi e una ragazza. Ci sono il bouquet di fiori e un gruppo di altre ragazze intorno a loro che applaudono divertite". Così commenta Zappadu.
Sempre a detta del fotografo fra le invitate nella villa ci sarebbero alcune ragazze dai tratti slavi. A proposito dell'abbigliamento le "veline" sarebbero vestite da zoccolette: stivali in velluto o scarpe dai tacchi alti e minigonne striminzite.

giovedì 11 giugno 2009

Elisa Alloro: vicino a Berlusconi è come essere nello spazio

A Elisa Alloro non è proprio andato giù che Veronica Lario abbia definito le veline candidate alle europee "ciarpame senza pudore". E allora lei, velina e fiera sostenitrice berlusconiana che si è vista scippare l'opportunità di candidarsi al parlamento europeo, ha scritto a tempo di record un instant book intitolato Noi, le ragazze di Silvio - Lettera a Veronica di una velina della politica (Aliberti editore).
In un'intervista al Corriere la sua adorazione per Silvio Berlusconi emerge in tutte le sue sfumature messianiche e new age: "se sei ricettivo, ascoltando Berlusconi capisci tante cose dei rapporti umani fra i grandi. (...) Come quando visiti la centrale della Nasa: anche se non sei nello spazio avverti una certa ebbrezza."

Veronica Lario pentita: ho sempre amato Silvio

Veronica Lario si pente di avere sbroccato e dato vita al Noemi-gate. La moglie di Silvio Berlusconi ha scritto la seguente mail al Corriere:
"In queste settimane ho assistito in silenzio, senza reagire mediaticamente, al brutale infangamento della mia persona, della mia dignità e della mia storia coniugale.
Certo è che la verità del rapporto tra me e mio marito non è neppure stata sfiorata, così come la ragione per cui ho dovuto ricorrere alla stampa per comunicare con lui.
Certo è che l’ho sempre amato e che ho impostato la mia vita in funzione del mio matrimonio e della mia famiglia."

Le ragazze del Drive In tirano il bidone a Berlusconi e Craxi

Capodanno 1987.
Silvio Berlusconi, Fedele Confalonieri e Bettino Craxi speravano di festeggiare alla grande con le ragazze del Drive In e invece, come si intuisce da una telefonata fra papi e Marcello Dell'Utri, i tre si sono ritrovati a fare il trenino:
Berlusconi. Iniziamo male l'anno!
Dell'Utri.
Perché male?
Berlusconi. Perché dovevano venire due [ragazze] di Drive In che ci hanno fatto il bidone! E anche Craxi è fuori dalla grazia di Dio!
Dell'Utri. Ah! Ma che te ne frega di Drive In?
Berlusconi. Che me ne frega?
Continua su Repubblica

Berlusconi combina un matrimonio fra Noemi e l'avvocato Mills

All'assemblea di Confartigianato Silvio Berlusconi ha fatto una battuta da antologia su Noemi Letizia e l'avvocato David Mills:
"Devo scappare perché sto combinando un matrimonio fra Noemi e l'avvocato inglese, come si chiama?... ah, Mills, e porto come dono di nozze un volo dello Stato, naturalmente gratis..."

mercoledì 10 giugno 2009

Combattimento all'ultimo sangue fra veline: Serracchiani vs. Brambilla



A Ballarò la ministra in calze autoreggenti Michela Vittoria Brambilla si è scannata con Debora Serracchiani, novella Maria Goretti di un PD catto-isterico che vuole trasformare l'Italia in un gigantesco monastero. Manco ai tempi della democrazia cristiana i catto-bigotti facevano sgorgare le fogne delle chiese come sta facendo il centrosinistra.
Viva le veline e i festini a Villa Certosa!

Beppe Grillo: il parlamento è pieno di zoccole scelte dallo psiconano



Beppe Grillo ha presentato la proposta di legge di iniziativa popolare "Parlamento pulito" davanti alla commissione affari costituzionali del senato.
Grillo non ha risparmiato un bel complimento a Mara Carfagna, Michela Vittoria Brambilla e amichette varie:
"Questa Commissione, questo Parlamento, non hanno nulla a che fare con la democrazia. Sei persone hanno deciso i nomi di chi doveva diventare deputato e senatore, hanno scelto 993 amici, avvocati e, scusate il termine, qualche zoccola. E li hanno eletti. Li hanno eletti loro, non i cittadini, che non hanno potuto scegliere i loro rappresentanti."

Le Amazzoni di Gheddafi

La visita di Gheddafi in Italia non sarà ricordata solo per la tenda beduina piantata a villa Doria Pamphili e per la foto di Omar al Muktar - eroe libico che guidò la resistenza contro l'occupazione fascista - appuntata sull'uniforme del colonnello.
Ci sono anche le Amazzoni, trasportate in abbondanza a bordo dei tre aerei presidenziali atterrati a Ciampino. Silvio Berlusconi è andato subito in sollucchero alla vista delle procaci e statuarie donnone in divisa. Guarda la foto: Silvio sbava copiosamente e l'Amazzone non riesce a trattenere il moto di schifo e indignazione.
C'è da temere che anche in Italia avremo le Amazzoni statali.
Silvio, perché non ci hai pensato prima? In un settore nel quale vanti esperienze che tutti ti invidiano ti fai superare da un dittatore africano qualunque?

Barbara Matera scambia la commissione cultura del parlamento europeo per un corso Cepu

"A quale commissione vorrebbe iscriversi?", è stato chiesto a Barbara Matera, da pochi giorni parlamentare europea.
L'ex letteronza non ha dubbi: "Cultura e istruzione. E' senza dubbio quella che più m'interessa e di cui vorrei fare parte, poiché inerente con i miei studi universitari".
Checché ne dica Silvio Berlusconi, che ha presentato la letteronza come una donna erudita e laureata, i fantomatici studi universitari non sono mai stati terminati. La Matera avrà scambiato la commissione cultura e istruzione per un corso Cepu...

martedì 9 giugno 2009

Un'estate ai Caraibi per Martina Stella e Silvio Berlusconi

La scultorea Martina Stella è la nuova velina di Silvio Berlusconi?
Papi ha rinunciato all'inflazionata Villa Certosa in Costa Smeralda e si godrà il dopo elezioni ai Caraibi?
Nulla di tutto questo!
Un'estate ai Caraibi è il titolo del nuovo film-fogna dei fratelli Vanzina e il papi non è il vero papi bensì l'imitatore Maurizio Antonini. La finzione però si mescola con la realtà: ci sono tutti gli elementi del Naomi-gate, dalle telefonate del Silvio farfallone alla signora napoletana agli incontri equivoci nella villa al mare, passando per le scappatelle extramatrimoniali.

Va precisato che Un'estate ai Caraibi - un cinecocomero con cui i Vanzina tentano per la seconda volta di replicare in estate il successo dei cinepanettoni - non è un instant movie, dato che è stato scritto e girato molto prima dello scandalo Noemi Letizia.
Enrico Vanzina: "E' il mistero del cinema che sembra essere sempre un passo avanti alla realtà. Noi quando abbiamo pensato a questa storia non sapevamo nulla di tutto quello che adesso, a ridosso dell'uscita delle sale, abbiamo letto sui giornali. Con la vita privata del presidente del Consiglio così messa in piazza. La nostra al contrario è una storia leggera, rispettosa: anche se poi ognuno ci può trovare il senso che vuole. Lui comunque, il premier, non ne sa nulla: e questo dimostra la libertà con cui abbiamo lavorato"

Lite in discoteca: Domenico Cozzolino e Noemi Letizia si lasciano

La storia d'amore fra Noemi Letizia e Domenico Cozzolino è giunta al capolinea. L'amica intima di Silvio Berlusconi e l'ex corteggiatore di Uomini e donne hanno litigato in discoteca, troncando la relazione nel peggiore dei modi.
La causa che ha portato i due a separarsi è stata la partecipazione di Cozzolino ai provini del Grande fratello, avvenuta in un momento giudicato non opportuno da Noemi. Il ragazzo si è presentato negli studi di Mediaset proprio quando Noemi era nell'occhio del ciclone, alimentando i sospetti che la ragazzina utilizzasse i suoi agganci con Silvio per fare carriera e dare una spintarella alle persone a lei vicine.
A suo tempo Noemi avrebbe detto addirittura detto "Ora per lasciarlo devo aspettare il 6 giugno per le elezioni".
Va detto che fin dall'inizio della relazione il Cozzolino è stato visto come un fidanzato di rappresentanza, buono giusto per sfruttare la pseudo-fama reciproca per poi essere scaricato nelle fogne di Portici.

Il Carro Noemi al Gay Pride?

Al Gay Pride che si svolgerà sabato prossimo a Roma potrebbe esserci un carro dedicato a Noemi Letizia.
L'amica intima di Silvio Berlusconi non è diventata improvvisamente lesbica o bisex. Molto più probabilmente il carro è pensato come critica al velinismo: fin dalla nomina di Mara Carfagna a ministro delle pari oppurtunità è guerra aperta fra la comunità gay e l'ex sciacquetta televisiva con gli occhioni da cerbiatta.

La letteronza Barbara Matera seduce 130.000 elettori

Alle elezioni europee l'ex letteronza Barbara Matera ha raccolto ben 129.994 voti!
Del resto era la pupilla di papi Silvio Berlusconi, che in campagna elettorale l'aveva difesa dagli attacchi velenosi della gelosissima Veronica Lario: "Barbara Ma­tera è laureata in scienze politi­che, me l’ha consigliata Gianni Letta, è la fidanzata del figlio di un prefetto suo amico. Ecco, ha fatto una parte in Carabinie­ri 7 su Canale 5, ma mai la veli­na."
Non è stata velina? Può darsi. Peccato che Silvio ha scordato di dire che era una letteronza, cioè una ragazza che nella scala sociale delle sciacquette è messa peggio delle famigerate veline.
Con 129.994 voti la Matera ha i numeri per fare un calendario.

lunedì 8 giugno 2009

Kakà al Real Madrid

Un altro trionfo per Dario Franceschini!
Dopo avere infamato Noemi Letizia.
Dopo avere smantellato il velinificio abusivo in Costa Smeralda.
Dopo avere insegnato l'educazione ai figli di Silvio Berlusconi.
Dopo avere trionfato alle elezioni con un - 7% e decine di province passate al centrodestra (per il PD è un trionfo: se lo dicono loro...).
Franceschini stende definitivamente Silvio Berlusconi: è suo il merito del trasferimento di Kakà al Real Madrid!
Il Real ha pagato 64,5 milioni al Milan, 2,7 milioni al San Paulo e 15 confezioni di Girelle a Giovanna Melandri, ministro dello sport del governo immaginario del centrosinistra.

David Carradine è stato ucciso da una setta segreta di kung fu



David Carradine è stato ucciso da una setta segreta di kung fu. Sarebbero prive di fondamento le illazioni sulle sue attivatà paranormali con tenere pulzelle.
[dal sito del Corriere]

Margherita Hack: trombata

Gloriosa candidata, fiore all'occhiello del ringiovanimento necessario della
politica europea.
Prossima agli 87 anni, il 12 giugno.
Ricordiamola in una diapositiva :
http://snipurl.com/jq0r5
Candidata alle Europee col Partito dei Comunisti Italiani di Diliberto,
nella lista anticapitalista.

Esito delle elezioni europee : trombata.
Nel senso di esclusa da Strasburgo naturalmente.

Eppure era perfetta : velina no di sicuro,
ottime credenziali per svolgere un paio di lezioni sulla meccanica
quantistica ai 700 parlamentari,
in 10 lingue diverse.
Col bonus interattivo per un powerpoint illustrativo sulla fisica del
bosone.
Un vero peccato.
Ci riproverà tra 5 anni magari.
Se la Montalcini sosteneva Prodi a 100 anni,
perchè non la Hack a 92?
Vai Margherita, non mollare!

Da It.politica

Debora batte Papi 73.910 a 64.286

Debora Serracchiani non è una nuova velina da esibire in Costa Smeralda assieme a Noemi Letizia: è invece un'avversaria di Silvio Berlusconi, talmente agguerrita che in Friuli Venezia Giulia ha battuto Papi per 73.910 preferenze a 64.286.
Zitto zitto anche il PD ha piazzato una donna piacente in una posizione chiave, e i risultati delle urne danno ragione a quel marpione falso di Dario Franceschini.
La politica italiana diventa sempre più un affare da affrontare armati di rimmel, rossetto e calze autoreggenti.

Dario Franceschini non sa perdere: dopo l'umiliazione alle elezioni incolpa Berlusconi!

La campagna elettorale di Dario Franceschini è stata talmente antiberlusconiana e improntata sui gossip di Noemi Letizia, Veronica Lario e Villa Certosa che il leader del PD non ha trovato niente di meglio da fare che incolpare Silvio Berlusconi del tracollo del centrosinistra.
"Ha vinto, ma non ha sfondato. Certo, un pezzo d'Italia lo adora a prescindere, qualunque cosa dica e faccia; ma non è il 45%. Mi sarebbe piaciuto affrontarlo ad armi pari; purtroppo, da quindici anni a questa parte non è possibile. E' stato come giocare tutto il campionato in trasferta, come salire sul ring con un braccio legato dietro la schiena. Mai come stavolta si è toccata con mano la sproporzione di soldi, potere, spazi televisivi. Ma ormai non ne parla più nessuno: non è chic, non è snob".
Forse dovrebbe fare un'esame di coscienza: si accorgerebbe che ai vertici del PD ci sono personaggi squallidi che solo mettendoci la loro brutta faccia invitano gli elettori a votare per gli altri partiti. Quanto a faccia da schiaffi Franceschini è il primo, ma anche Giovanna Melandri che ieri notte ha fatto la maestrina da Bruno Vespa non scherza. Per non parlare di Fassino...

Franceschini ha anche il coraggio di negare che la campagna del PD era improntata sul gossip:
"Ricevo molte mail da elettori del centrodestra che mi rimproverano di aver fondato la campagna sul gossip. Ma quando mai? Io non ho detto una parola sulle vicende familiari di Berlusconi. Non una. Ho detto che un politico deve rispondere alle domande."
E torna a dire di essere stato frainteso (!) quando ha chiesto agli italiani se farebbero educare i loro bambini da Berlusconi:
"Non ho mai citato i figli di Berlusconi. Mai. Ho parlato dell'educazione dei nostri figli, dei valori da trasmettere alle nuove generazioni. Eppure l'apparato mediatico del premier ha manipolato le mie parole e le ha strumentalizzate."

Una montagna di bugie che non nasconde il verdetto dei numeri: alle elezioni europee il PD e Dario Franceschini sono stati umiliati.

domenica 7 giugno 2009

Noemi Letizia e l'elettorato frigido di sinistra. E' lei la vera vincitrice delle elezioni europee

Forse è vero che Noemi Letizia è illibata fino al collo e ai festini di Villa Certosa non le è manco passato per la testa di attizzare Silvio Berlusconi.
L'illibatezza e la frigidezza della ragazza sarebbero provate dai risultati delle elezioni europee: il PD, che aveva adottato Noemi come mascotte negativa per attaccare politicamente Berlusconi, sta facendo una doccia gelata e probabilmente precipiterà molto sotto il 30%.
Il risultato della campagna elettorale portata avanti a colpi di gossip è uno e uno solo: Noemi Letizia è la vincitrice morale delle elezioni.
Noemi con le sue sole forze batte la triade formata da PD, Repubblica e Rupert Murdoch, un'armata che ha fatto ricorso ai trucchi più sporchi per mettere in cattiva luce la ragazzina.
Noemi Letizia sarà l'erede politica di Silvio Berlusconi quando il vecchio marpione cederà alle lusinghe della casa di riposo?

La prima volta di Noemi Letizia

La prima volta di Noemi Letizia!
A letto?
No, al seggio!

sabato 6 giugno 2009

Giornata mondiale del naturismo

La prima domenica di giugno è la giornata mondiale del naturismo, o nudismo che dir si voglia.
In Italia questo modo di vivere trova il pieno sostegno della sinistra, a meno che non venga praticato dagli ospiti di Silvio Berlusconi a Villa Certosa in Sardegna.
Donatella Poretti del PD ha lanciato un accorato appello al ministro del turismo Michela Vittoria Brambilla "affinché si faccia carico di regolamentare il naturismo anche in Italia, come già fatto da molti Paesi in Europa e nel mondo".
In Italia l'art. 726 del codice penale punisce con un'ammenda "chiunque, in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, compie atti contrari alla pubblica decenza".
Per la Poretti si tratta di "Una definizione vaga che dà adito a fraintendimenti e che ha portato in alcuni casi a interventi delle forze dell'ordine, e anche di qualche giudice di merito, così come puntualmente registrato dalle cronache estive".
Ovviamente il nudismo è ben accetto dalla sinistra a meno che non venga praticato a Villa Certosa. Sappiamo bene che la sinistra chic si è scandalizzata perché due ospiti di Berlusconi prendevano il sole in topless.
Incredibile che succeda una cosa del genere in estate sulle spiagge della Costa Smeralda!!

Topolanek: non è mio quel trapano, la foto del Pais è taroccata

C'è anche il politico ceco Mirek Topolanek nelle foto di Villa Certosa pubblicate dal quotidiano El Pais.
Topolanek non ha gradito l'intrusione nella sua intimità e, alla domanda se è foto o fotomontaggio, ha dichiarato: "Entrambe le cose. Sono io, sì, ma è chiaramente anche frutto di un fotomontaggio. L'immagine è chiaramente alterata".
Topolanek aveva approfittato dell'intimità di Villa Certosa nel cuore della Costa Smeralda per farsi l'abbronzatura integrale. Non sospettava che c'era un fotografo con teleobiettivo appostato sui colli sardi. E men che meno sospettava che il cacciavite sarebbe finito sotto la lente d'ingrandimento di photoshop fino a diventare un trapano.
Per Topolanek è un complotto della sinistra: "Io non credevo che le elezioni europee potessero essere così importanti da spingere i socialisti a porre in essere attacchi e manipolazioni così ridicole. In ogni caso si tratta di una intrusione brutale nella privacy, perché quella era una vacanza privata. E io in questo non vedo nulla di male e di compromettente".

Pais e Repubblica denunciati per la pubblicazione delle foto di Villa Certosa

Il quotidiano spagnolo El Pais e La Repubblica sono stati denunciati da Niccolò Ghedini detto Mavalaaaa, avvocato di Silvio Berlusconi, per avere pubblicato le foto di Villa Certosa che pochi giorni fa erano state sequestrate dalla magistratura per violazione della legge sulla privacy.
A Matrix Berlusconi si è sfogato con un "Ma vadano tutti a quel pais: sono davvero molto scocciato"
Poi ha spiegato che "Sono fotografie che provengono da reato, visto che sono state sequestrate qui in Italia proprio perché si ritiene che siano frutto di un comportamento anti-giuridico e quindi di un illecito penale; perciò è evidente che non possono essere acquistate da nessuna parte del mondo".
Berlusconi ha parlato della vicenda anche a Radio Anch'io: "E' scandaloso che si possano fare delle foto con dei teleobiettivi entrando nel privato delle persone. Le persone fotografate a Villa Certosa sono state aggredite".

Berlusconi: il cucù me l'ha insegnato Putin

Ricordate Silvio Berlusconi che si nasconde dietro a una colonna e all'improvviso fa cucù a Angela Merkel?
Silvio a svelato che questa pratica è una tradizione negli incontri istituzionali ad alto livello. "Il cucù non è un'invenzione mia", ha spiegato l'arzillo presidente del consiglio intervistato a Mattino Cinque, "me l'ha fatto una volta Putin a San Pietroburgo e io l'ho fatto alla Merkel".

venerdì 5 giugno 2009

Quanto sei Berlusconi?

Ti sei mai chiesto quanta italica dose di Silvio Berlusconi scorre nelle tue vene?

Cosa fai quando conosci una donna e ti presenti? Adotti il metodo Noemi Letizia e le dici di chiamarti "papi", magari facendo qualche complimento a bruciapelo per renderti simpatico? Oppure sei un tipo da Veronica Lario e la fissi con sguardo intenso e piacevolmente allusivo?

Compila questo test su Facebook e scopri quanto sei Berlusconi!

giovedì 4 giugno 2009

Il Pais pubblica le foto segrete di Villa Certosa

Il quotidiano spagnolo El Pais è entrato in possesso di alcune foto di Villa Certosa in Costa Smeralda la cui pubblicazione è stata vietata dalla magistratura italiana. Il quotidiano ha mostrato due di queste foto nel suo sito internet. Non si vede Noemi Letizia ma in compenso ci sono le famose ragazze in topless (e tanga) che prendono il sole. In una foto (senza ragazze in topless nei dintorni) Silvio Berlusconi è in tenuta di caccia alla volpe.
Queste due foto non sono niente di che... vedremo le altre. Tanto rumore per nulla?

Con papi si vola (gratis)

Il settimanale L'Espresso ha pubblicato un articolo intitolato Con papi si vola, dedicato ovviamente all'uso allegro degli aerei di stato da parte dei politici.
"I dati ottenuti da 'L'espresso' mostrano che a gennaio 2008 c'erano state 153 ore di volo per accompagnare in giro ministri e presidenti, un anno dopo erano diventate 370. A febbraio si passa da 176 a 468; a marzo da 183 a 510; ad aprile da 124 a 471. In questo mese di maggio appena concluso, denso di impegni elettorali sparsi per la penisola, ci sono state centinaia di missioni vip con Airbus e Falcon impegnati fino ai limiti tecnici."

Elisabetta Canalis fa fuggire gli uomini. E' troppo pepata!

Elisabetta Canalis reciterà nel telefilm in sei episodi I fratelli Benvenuti fianco a fianco con Massimo Boldi e Gloria Guida, la mitica attrice bionda dei film sporcaccioni degli anni '70.
La Canalis descrive così la sua parte:
"È una ragazza insi­cura, che per fare colpo sul ragazzo che le piace farà finta di essere proprietaria del ri­storante in cui lavora come dipendente. Alla fine però l’amore trionfa!".
E poi fa un paragone con la sua vera personalità e col rapporto che ha con gli uomini:
"Lei teme di piacere agli uomini per quello che ha, non per quello che è. Io al contrario sono di­retta e mi mostro per quello che sono. Sarà per questo che poi gli uomini fuggono! Sto scherzando, ovviamente…" [da Yahoo]

mercoledì 3 giugno 2009

Il Presidente Pilota

La Ballerina di Flamenco ringrazia il Presidente Pilota per l'emozionante (e gratuita) traversata del Tirreno.

Franceschini: il PD vittima della campagna di gossip

Dario Franceschini dimostra ancora una volta di avere la faccia come il c**o, pardon, come il sederino di un bimbo (con lo stesso pannolone da cinque dì).
In un'intervista rilasciata a Radio Anch'io il leader del PD ha dichiarato che il PD è vittima dei gossip su Silvio Berlusconi, Noemi Letizia e Veronica Lario!!!
"Penso che in questa campagna ci sia stata molta cattiveria: io sono stato insultato quotidianamente con aggettivi coloriti. Poi si è inserita la vicenda personale del presidente del Consiglio, sui cui io non dirò una parola, perché a me interessa contrastare il governo su argomenti che interessano gli italiani. Oltretutto non traiamo nemmeno vantaggio dal gossip. Noi siamo stati l'unico partito che, dopo un lavoro di sei mesi a cui hanno lavorato molte persone, ha presentato un programma per l'Europa. L'abbiamo presentato in una conferenza stampa ma sui giornali non c'era una riga. Noi siamo vittime di questo meccanismo come cittadini."

Quella casa con vista su Veronica

"Protezione totale. Eh già, è proprio il caso di dire che Veronica Lario, ancora per poco consorte del premier Silvio Berlusconi, è superblindata dal suo bodyguard Alberto Orlandi. Prova ne sia, come ha scoperto ItaliaOggi, la casa che qualche tempo fa lo stesso Orlandi ha acquistato a Macherio, proprio di fronte a villa Belvedere, ormai la roccaforte della Lario." Continua nel sito www.marcocastoro.it

Caso Noemi Letizia: Papi è un nome in codice!

Secondo il quotidiano britannico Times il soprannome papi dato da Noemi Letizia a Silvio Berlusconi non è un nomignolo affettuoso ma un nome in codice!
A quanto pare alle numerose attricette e showgirl con cui si circonda Silvio sarebbe stato detto di non fare mai il suo nome al telefono. "Papi" sarebbe il nome in codice con cui chiamarlo per evitare che venga identificato durante le intercettazioni telefoniche.

Fabrizio Corona diventa un fumetto: Coronik!

Fabrizio Corona ha annunciato urbi et orbi che presto potremo leggere le sue fantasmagoriche avventure a fumetti. E' in preparazione Coronik, titolo che ovviamente si ispira a Diabolik.
Una domanda sorge spontanea: ci sarà Belen Rodriguez nei panni di Eva Kant? Sarà scollacciata e porca come non mai?
Qua ci sono molte altre informazioni su questa notizia sensazionale.

martedì 2 giugno 2009

Miss Topolanek adirata con i media italiani

I quotidiani italiani non hanno potuto pubblicare le foto sequestrate a Antonello Zappadu ma non si sono tirati indietro dal descriverle. Secondo i bene informati in alcune foto Mirek Topolanek, nel 2007 primo ministro ceco, sarebbe completamente nudo e sguazzerebbe in piscina con una bella biondona.

Lucie Talmanova, alias Miss Topolanek (o Miss Topolona per i più intimi), non ha gradito queste insinuazioni sul suo compagno:
"Non mi sono mai espressa in merito a questioni del genere, ma questa volta faccio un'eccezione. Attendo le scuse da parte dei media italiani alla mia famiglia, soprattutto a me e a mio figlio".

Cara Miss Topolona, se speri che i media italiani si scusino stai fresca...

Gino Flaminio chiede scusa a Berlusconi e Noemi Letizia: Repubblica mi ha usato per fare gossip

Il Corriere ha pubblicato una lettera di Gino Flaminio, l'ex fidanzatino di Noemi Letizia.
Il ragazzo chiede scusa a Silvio Berlusconi e Noemi Letizia e afferma che i giornalisti di Repubblica hanno approfittato di lui e delle sue dichiarazioni per costruire un attacco a colpi di gossip.
"(...) Sono stato usato da qualcuno che non potendo attaccare L’uomo del popolo (così io chiamo il PRESIDENTE) Usa un Gossip un Pettegolezzo, la mia storia d’amore con Noemi. Ora stanno insinuando che lui ha avuto rapporti di SESSO cosa che escludo a priori e impossibile! conoscendo Noemi è i suoi valori. Possibile che l’uomo del Popolo non possa avere una sua vita privata? Che male c’è ad essere amico di una famiglia normale? Questa e la cosa bella lui è diverso dai soliti politici lui è amico di tutti degli Chef, Operai, Dipendenti, Mendicanti, Poveri insomma di TUTTI. Sono Dispiaciuto per quello che si è venuto a creare non lo avrei mai immaginato. Chiedo Scusa pubblicamente a Noemi e Tutti per il Clamore che ha suscitato la nostra storia D’amore e le auguro tutto il BENE DI QUESTO MONDO. Questa è la pura verità. Per il resto vi prego tutti di lasciarmi in pace"

Rupert Murdoch ha ordito un complotto internazionale ai danni di Berlusconi?

Silvio Berlusconi è sempre più convinto che gli attacchi della stampa estera contro di lui e Noemi Letizia siano stati ordinati dal magnate dell'informazione Rupert Murdoch:
"Anche Murdoch fa parte del complotto? Non fatemi parlare di Murdoch. È meglio se lasciamo stare", ha dichiarato Berlusconi.

Dopo l'articolo del Times - di proprietà di Murdoch - intitolato Cade la maschera del clown, la sinistra italiana dovrebbe abbracciare in pieno la teoria di Berlusconi. Infatti è da diversi lustri che la sinistra accusa Berlusconi di utilizzare i mezzi di comunicazione di sua proprietà per portare avanti i propri scopi.
Non è la stessa cosa che sta facendo Murdoch? Vi ricordo che l'australiano è infuriato con Berlusconi perché ha portato l'iva di Sky al 20%... I frequenti articoli del Times e di altri quotidiani del gruppo di Murdoch hanno tutta l'aria di una ritorsione contro la decisione del goverso ai danni di Sky.

Certo, la sinistra dovrebbe essere coerente per riconoscere che dietro agli articoli denigratori della stampa estera c'è un disegno di Murdoch per far crollare la popolarità di Berlusconi e possibilmente far cadere il governo.
Però "Coerenza" non è certo la parola d'ordine della sinistra, anzi...
Inoltre non è da escludere che la sinistra abbia promesso a Murdoch una riduzione dell'iva su Sky se governerà l'Italia dopo le prossime elezioni politiche.

Berlusconi: Mi secca che ora mi diano del cornuto

Silvio Berlusconi commenta la presunta relazione fra Veronica Lario e la guardia del corpo Alberto Orlandi strombazzata alla stampa da Daniela Santanché:
"Certo mi secca che ora mi diano del cornuto".
Però vede anche un lato positivo: "È passato un giorno e la signora non ha smentito. Quindi cosa devo pensare?". Ha trovato un buon motivo per sbolognarla e far ricadere la colpa della separazione su di lei.

lunedì 1 giugno 2009

Benigni: Silvio attento, è illegale, è una passera minorenne

Roberto Benigni ha letto e spiegato Dante a una platea di duemila di newyorkesi stipati nella Hammerstein ballroom del Manhattan center. Ne ha approfittato per fare qualche battuta su Silvio Berlusconi e Noemi Letizia, a partire dal saluto "è la prima volta che vengo a New York, il mio cuore pulsa, sono pieno di gioia, vi amo molto e vorrei saltare su di voi nudo e fare l’amore, un’orgia con voi".

Ha anche dato un consiglio a Berlusconi:
"Silvio attento, è pericoloso, è molto illegale, è una passera minorenne, non farlo".

E poi:
"Berlusconi è andato a questo compleanno e quando hanno spento le candeline ha fatto il conto alla rovescia: tre, due uno: vai ora è legale".

Al termine confida che non è stato difficile far ridere i newyorkesi:
"E’ più famoso Berlusconi di Dante, bastava nominarlo e veniva giù la sala dalle risate".

Imma Di Ninni: Mi regalò un aquilone d’oro, Silvio ha classe

Imma Di Ninni racconta al Corriere che Silvio Berlusconi l'ha incontrata in un locale della Costa Smeralda e invitata a Villa Certosa:
"Ero con un gruppo al Pe­pero Club in Costa Smeralda. Siamo state invitate, io e una mia amica".
Il suo soggiorno non è stato turbato da richieste a luci rosse da parte di Berlusconi:
"Lui ha classe, le donne le rispetta. Fa tanti regalini ma non chiede niente in cambio. È festoso, un gran bambino­ne a cui piace giocare. (...) Abbiamo parlato della Puglia, del pane e dell’olio buono. Gli ho raccontato di quando, da bambina, mi pia­ceva correre nel grano con un aquilone al polso. E lui se n’è ricordato, che bella persona"

Un classico del trash: Imma Di Ninni vince a Uno due tre stalla



Nel video una perla del trash televisivo: Imma Di Ninni vince nel reality show Uno due tre stalla.
La madre della ragazza si sfoga distribuendo insulti e mazzate a tutti. Il pubblico in studio ricambia fischiando sonoramente la ragazza che nel corso del reality non aveva fatto niente per farsi amare.

L'Unità: Berlusconi è un palpeggiatore

Giuseppe Belleri di Oggi commenta le famose foto del 2007 che mostrarono per la prima (e finora unica) volta Silvio Berlusconi in azione nell'harem di Villa Certosa in Costa Smeralda. Belleri rivela a L'Unità che c'erano foto molto piccanti non pubblicate:
"Berlusconi in quella foto tiene una mano nelle parti intime della ragazza vestita di nero e l’altra sotto la maglietta della ragazza vestita di verde. Chiude gli occhi in un accenno di estasi".

Inchiesta sul ponte aereo per trasportare le Veline in Sardegna

Fra le foto delle feste allegre organizzate da Silvio Berlusconi in Sardegna c'è uno scatto che immortala Mariano Apicella mentre scende da un aereo di stato.
La procura di Roma ha aperto un'inchiesta per accertarsi che i voli di stato non vengano usati in modo frivolo, magari per organizzare un ponte aereo fra Roma e la Costa Smeralda. Quaranta veline al colpo non sono poca cosa e per gestire un via vai così intenso c'è bisogno di una struttura ben oliata ed efficiente.
Va ricordato che per la magistratura i politici - ma devono essere politici di sinistra - possono fare un uso piuttosto sbarazzino dei voli di stato. Nel 2007 l'ex vicepresidente del consiglio Francesco Rutelli e il ministro della giustizia Clemente Mastella del governo Prodi furono accusati di aver portato i propri ospiti e collaboratori al Gran Premio di Monza con un volo di stato. L'inchiesta si concluse con un'archiviazione.

Alberto Orlandi nega di essere lo stallone di Veronica Lario?

Secondo Daniela Santanché, intervistata da Libero, sarebbe stata Veronica Lario a mettere in crisi il matrimonio con Silvio Berlusconi. La politica di destra ha affermato che la Lario sta vivendo da molti anni una storia d'amore sfrenata con la sua guardia del corpo, non limitandosi a fare le capriole sotto le lenzuola ma addirittura facendo progetti di vita assieme.
Il novello Kevin Costner che svolge le sue funzioni di vigilanza sul corpo della Lario con estrema dedizione e scrupolo si chiama Alberto Orlandi, descritto da Repubblica come "alto, viso abbronzato segnato da un velo di barba, una montagna di muscoli sempre strizzati nella divisa d'ordinanza". Insomma la Lario non sceglie il primo che capita quando ha bisogno di uno stallone...
L'uomo per ora non vuole fare commenti sulla vicenda. Per Repubblica il silenzio è assenso.
Da questo fronte aspettiamo con fiducia altre sorprese.

Berlusconi: avete toccato il fondo

Berlusconi ha rilasciato un breve e lapidario commento a proposito del sequestro (e successive illazioni) delle foto di Villa Certosa in Costa Smeralda:
"Non vorrei rispondere, davvero, siamo arrivati a toccare il fondo con questa intrusione, da parte di tutti, nel privato"

Non è vero: qualcuno riuscirà a fare di peggio!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...